chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Verrecchie
Cappadocia
Avezzano
chiesa
sussidiaria
S.Egidio
Parrocchia di Sant'Egidio Abate
Pianta; Struttura; Coperture; Pavimenti; Scale; Campanile
nessuno
XII - XII(costuzione intero bene); XX - XX(ristrutturazione campanile); XX - XXI(restauro intero bene)
Chiesa di Sant'Egidio
Tipologia e qualificazione chiesa sussidiaria
Denominazione Chiesa di Sant'Egidio <Verrecchie, Cappadocia>
Altre denominazioni S.Egidio
Ambito culturale (ruolo)
stile romanico (costruzione)
Notizie storiche
XII - XII (costuzione intero bene)
la chiesa è indicata nella Bolla di Clemente III del 1188.
XX - XX (ristrutturazione campanile)
IL campanile è stato ristrutturato negli anni trenta quando venne abbassato anche di alcuni metri. Esso contiene quattro campane, tre piccole ed una grande, che porta incisa la data 1525,
XX - XXI (restauro intero bene)
la chiesa risulta essere in fase di restauro dagli primi anni 90 del secolo scorso.
Descrizione Nella parte alta del paese di Verrecchie troviamo la vecchia chiesa in fase di restauro, dedicata a S. Egidio. Risalente al sec. XII fu costruita insieme ai ritiro, di cui si sono perse le tracce, probabilmenteda monaci dell’ordine religioso dei Cistercensi. La chiesa ha avuto nel tempo diverse modificazioni, infatti possiamo notare l’influenza di diversi stili: dal gotico, al romanico (interno a tre navate, colonne con archi a tutto sesto, copertura con capriate in vista formate da tre travi di legno disposte a triangolo isoscele) al barocco fastoso e ricco come ancora si può notare nei resti di un altare sulla navata destra. Si presenta a tre navate, con retrostante abside a pianta semicircolare. La facciata principale in pietra e del tipo a salienti con torre campanaria ubicata sul lato destro . Il sistema delle bucature è costituito da un rosone semicircolare in asse centrale al di sopra del portale d'ingresso caratterizzato da cornice in pietro e lunetta. Il campanile, ristrutturato l’ultima volta negli anni trenta quando venne abbassato anche di alcuni metri contiene quattro campane, tre piccole (di cui una molto ben lavorata) ed una grande, che porta incisa la data 1525.
Pianta
Pianta rettangolare a tre navate con abside semicircolare.
Struttura
Muratura di pietrame irregolare e pilastri interni che in pietra squadrata sormontati dal tetto in legno con capriate a vista.
Coperture
Tetto a falde sulle navate e poligonale sull'abside. Manto di tegole del tipo coppi.
Pavimenti
Piastrelle in cotto.
Scale
La zona presbiteriale è rialzata di un gradinio rispetto al piano delle navate. All'esterno, prospicente la facciata principale è presente una scalinata.
Campanile
La torre campanaria a pianta quadrata è ubicata nel lato destro a ridosso della facciata principale. Essa è munita di cella campanaria con monofore nelle facce. La copertura è del tipo piramidale.
Adeguamento liturgico
nessuno
Contatta la diocesi