chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Concordia Sagittaria
Concordia - Pordenone
chiesa
parrocchiale
Santo Stefano Protomartire
Parrocchia di Santo Stefano Protomartire
Impianto strutturale; Coperture; Pianta; Struttura; Elementi decorativi; Preesistenze; Pavimenti e pavimentazioni; Fondazioni
altare - aggiunta arredo (1999); ambone - aggiunta arredo (1999); cattedra - aggiunta arredo (1999); fonte battesimale - aggiunta arredo (1999)
IV - IV(istituzione dell'Episcopato nucleo antico); 452 - 452(invasione unna nucleo antico); 589 - 589(incendio nucleo antico); XIX - XIX(demolizione cupola abside); XX - XX(committenza/completamento intero edificio); XXI - XXI(restauro intero edificio)
Cattedrale di Santo Stefano Protomartire
Tipologia e qualificazione chiesa parrocchiale
Denominazione Cattedrale di Santo Stefano Protomartire <Concordia Sagittaria>
Ambito culturale (ruolo)
maestranze venete (costruzione navate laterali)
maestranze venete (innalzamento presbiterio, aggiunta abside)
maestranze venete (ampliamento Cappella dei Martiri)
rinascimentale (allungamento edificio e facciata)
Notizie storiche
IV - IV (istituzione dell'Episcopato nucleo antico)
costruzione della prima basilica, detta Basilica Apostolorum.
452 - 452 (invasione unna nucleo antico)
distruzione dell'edificio
589 - 589 (incendio nucleo antico)
distruzione dell'edificio
XIX - XIX (demolizione cupola abside)
rifacimento dell'abside e della sua copertura, innalzamento del presbiterio.
XX - XX (committenza/completamento intero edificio)
ampliamento della Cappella dei SS. Martiri; demolizione della sacrestia, sostituita con quella a nord; ampliamento dell'edificio di una campata e rifacimento della facciata in stile rinascimentale.
XXI - XXI (restauro intero edificio)
rifacimento del tetto e del manto di copertura
Descrizione L’attuale Cattedrale risale alla metà del X secolo ma soltanto nel 1466 dopo diversi rimaneggiamenti e modifiche ha assunto l’aspetto odierno con la struttura a tre navate. La facciata tripartita si presenta con un paramento murario con mattoni a vista ed è coronata da un motivo centrale curvilineo: al centro il portale è sormontato dalla statua di Santo Stefano, posta sopra un cuneo di pietra recante l’iscrizione "Stefanus vidit caelos apertos", al di sopra della quale si apre un rosone circolare; mentre ai lati della porta d’ingresso, in corrispondenza delle due navate laterali, vi è una monofora a tutto sesto. La chiesa presenta una struttura basilicale con pianta a croce latina le cui tre navate sono separate da due fila di archi a sesto acuto, o ogivali, poggianti su pilastri quadrangolari con semicolonne; è dotata di transetto e di un abside poligonale. I lavori di rifacimento e ampliamento hanno portato sul finire del XII secolo alla costruzione delle navate laterali, verso la fine dell’800 all’innalzamento del presbiterio con l’aggiunta dell’abside ricostruita in stile neogotico e con annesso abbattimento della cupola che li sovrastava, all’ampliamento della Cappella dei Martiri e alla demolizione della sacrestia a sud sostituita con quella a nord. Gli ultimi interventi, che risalgono ai primi anni del ‘900, portarono all’allungamento dell’edificio di una campata e alla fedele ricostruzione della precedente facciata rinascimentale. La copertura è a capriate lignee nelle navate; nella zona absidale è a volta a crociera con costoloni. La cappella dei SS. Martiri è in stile gotico con quattro aperture ogivali e volta a botte; questo sistema di copertura è presente nelle prime campate delle navate laterali. La cappella dei SS. Martiri venne ampliata agli inizi del Novecento per volere dell’allora parroco Celso Costantini.
Impianto strutturale
struttura basilicale con pianta a croce latina caratterizzata da tre navate, transetto e abside poligonale.
Coperture
la copertura è a capriate lignee nelle navate; nella zona absidale è a volta a crociera con costoloni. La cappella dei SS. Martiri è a volta a botte.
Pianta
struttura basilicale con pianta a croce latina
Struttura
tre navate separate da due file di archi a sesto acuto, o ogivali, poggianti su pilastri quadrangolari con semicolonne. Transetto e di un abside poligonale
Elementi decorativi
la facciata tripartita si presenta con un paramento murario con mattoni a vista ed è coronata da un motivo centrale curvilineo: al centro il portale è sormontato dalla statua di Santo Stefano, posta sopra un cuneo di pietra recante l’iscrizione Stefanus vidit caelos apertos, al di sopra della quale si apre un rosone circolare; mentre ai lati della porta d’ingresso, in corrispondenza delle due navate laterali, vi è una monofora a tutto sesto
Preesistenze
la Trichora Martyrium è l’edificio più antico, fatto risalire alla metà del IV secolo ed edificato, si pensa, per contenere i sacri resti dei primi martiri concordiesi delle persecuzioni di Diocleziano come testimonia il sepulcretum a forma di croce al suo interno; presenta tre absidi internamente semicircolari, alquanto profonde, e in origine tutte semipoligonali all’esterno. Successivamente la trichora venne allungata con la costruzione di un’aula a tre navate con un atrio porticato antistante. Posteriori o coevi alla trichora sono i recinti sepolcrali, nove per ciascuna area che a sinistra mantengono la stessa profondità mentre a destra si dispongono “a trifoglio” accogliendo sarcofagi. L’istituzione dell’episcopato portò alla costruzione della prima Cattedrale, nota come Basilica Apostolorum, sul finire del IV secolo d.C.: la pianta rettangolare con il portico dotato di nartece più lungo della fronte della basilica, il mosaico pavimentale e la zona presbiteriale con fossa per le reliquie sono gli aspetti più significativi. Consacrata da San Cromazio, vescovo di Aquileia, circa nel 389 d. C. venne distrutta da un incendio durante l’invasione unna del 452 e dopo esser stata ricostruita venne sommersa dalla grande alluvione del 589, della quale parla Paolo Diacono nella sua Historia Langobardorum.
Pavimenti e pavimentazioni
nella basilica antica il pavimento è decorato con mosaici riportati alla luce durante le diverse campagne archeologiche.
Fondazioni
la Cattedrale originariamente poggiava allora come oggi su fondazioni continue in corrispondenza delle murature perimetrali e su plinti in corrispondenza delle colonne della navata. Negli anni ’60 la Soprintendenza, per riportare alla luce i resti della Basilica sottostante, ha dapprima realizzato dei pali del tipo a conci in corrispondenza delle colonne della navata. Successivamente ha scavato e svuotato per circa 3 metri il terreno in corrispondenza delle 3 navate portando alla luce i resti. Pertanto ora il pavimento della Cattedrale in corrispondenza delle navate è un vero e proprio solaio.
Adeguamento liturgico
altare - aggiunta arredo (1999)
In osservanza ai dettami del Concilio Vaticano II nel 1999 si è scelto di progettare un adeguamento liturgico che permettesse di celebrare con serenità e verità le liturgie (anche episcopali), senza però stravolgere l’armonia della cattedrale: sono stati individuati alcuni resti archeologici, provenienti dagli stessi scavi della chiesa, per progettare i luoghi della celebrazione nella semplicità del linguaggio moderno e al tempo stesso in sintonia con la storia che la cattedrale raccoglie. L’altare è arricchito da un pluteo in calcare d’Aurisina sul quale è visibile una decorazione ad intreccio di fettucce che racchiudono gigli stilizzati, (posto come paliotto); così anche la sede e l’ambone, collocati in un’ideale linea celebrativa di continuità, recano nella loro struttura elementi antichi che ne impreziosiscono la fattura. Nella prima cappella laterale di sinistra, tra l’ingresso alla sagrestia e la cappella dei Martiri, è stato posto il fonte battesimale, dalle linee semplici ed eleganti, in armonia con gli elementi del presbiterio.
ambone - aggiunta arredo (1999)
vedi nota altare.
cattedra - aggiunta arredo (1999)
vedi nota altare.
fonte battesimale - aggiunta arredo (1999)
vedi nota altare.
Contatta la diocesi