chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Tolmezzo
Udine
chiesa
sussidiaria
S. Caternia V. M.
Parrocchia di Santa Maria Oltre But e di San Martino Vescovo
Coperture; Prospetto principale; Pavimenti e pavimentazioni
ambone - aggiunta arredo (1990 ca.)
1300 - 1300(costruzione intero bene ); 1403 - 1403(danni intero bene ); 1411 - 1795(ricostruzione intero bene); 1976 post - 1976 post(restauro intero bene); 2009 - 2009(restauro facciata)
Chiesa di Santa Caterina Vergine e Martire
Tipologia e qualificazione chiesa sussidiaria
Denominazione Chiesa di Santa Caterina Vergine e Martire <Tolmezzo>
Altre denominazioni S. Caternia V. M.
Ambito culturale (ruolo)
maestranze friulane (costruzione)
Notizie Storiche

1300  - 1300 (costruzione intero bene )

La chiesa fu fondata presumibilmente nel 1300.

1403  (danni intero bene )

L'edificio subì dei danni a causa del terremoto del 6 settembre 1403.

1411 - 1795 (ricostruzione intero bene)

L'edificio venne ricostruito nel 1411. Distrutta dal terremoto fu rifatta completamente nel 1795 su disegno dell'architetto Schiavi.

1976 post  (restauro intero bene)

L'aspetto odierno dell'edificio sacro si deve agli ultimi lavori di restauro eseguiti a seguito dei danni provocati dal terremoto del 1976.

2009  (restauro facciata)

Al 2009 risalgono i lavori di restauro della facciata che ripropone l'originario decoro su progetto dell’arch. Luisa Frisano, Pasian di Prato (Ud)
Descrizione

Edificio ad aula rettangolare con presbiterio quadrangolare ristretto e di pari altezza con oculo nella parete di fondo, orientato, su sedime a quota stradale; in mezzeria all’aula aggettano due corpi quadrangolari delle cappelle, a unica falda che prosegue quella del tetto; il corpo sul lato destro si prolunga in un volume antistante ad unica falda in continuazione con quella della cappella e retrostante alla torre campanaria adiacente alla facciata dell’aula di poco retrostante al prospetto principale. Il prospetto principale a due falde ripropone l’originaria decorazione a fresco in tricromia (ocra, beige e bianca) della facciata templare, tripartita graficamente da paraste dal capitello ionico su alti plinti, una campiture ellittica in ciascuna delle sezioni laterali; architrave con timpano a dentelli e oculo centrale di areazione; portale lapideo architravato preceduto da scalinata a tre gradini e superiore epigrafe lapidea centrale; zoccolatura in rinfazzo. Interno dal soffitto a botte con cornice ventrale decorata a dipinto; in mezzeria due unghioni a contenere l’arcata a tutto sesto in masselli tufacei e la finestra termale delle cappelle delimitate da paraste interne angolari impostate su l’alta zoccolatura perimetrale a tutta l’aula; trabeazione di cromia grigia con triglifi e cornicione perimetrale a tutto l’interno della chiesa. Il presbiterio, sopraelevato di tre gradini, prospetta con l’arcosanto a tutto sesto entro unghione, impostato sulla trabeazione e la parasta interna all’angolo; pareti smussate agli angoli con semiparaste negli angoli; soffitto a volta con emblema circolare al centro; parete di fondo sormontata da ampia lunetta; una finestra in ciascuna parete laterale. La controfacciata ripropone il prospetto del presbiterio con la bussola. La pavimentazione in lastre marmoree ocra chiaro è suddivisa longitudinalmente da ampie e strette bande di lastre quadrate marrone con corsia centrale.
Coperture
In coppi.
Prospetto principale
Il prospetto principale a due falde ripropone l’originaria decorazione a fresco in tricromia (ocra, beige e bianca) della facciata templare, tripartita graficamente da paraste dal capitello ionico su alti plinti, una campiture ellittica in ciascuna delle sezioni laterali; architrave con timpano a dentelli e oculo centrale di areazione; portale lapideo architravato preceduto da scalinata a tre gradini e superiore epigrafe lapidea centrale; zoccolatura in rinfazzo.
Pavimenti e pavimentazioni
La pavimentazione in lastre marmoree ocra chiaro è suddivisa longitudinalmente da ampie e strette bande di lastre quadrate marrone con corsia centrale.
Adeguamento liturgico

ambone - aggiunta arredo (1990 ca.)
ligneo, a leggio.
Contatta la diocesi