chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Calenzano
Bettola
Piacenza - Bobbio
chiesa
parrocchiale
San Lorenzo Martire
Parrocchia di San Lorenzo Martire
Pianta; Coperture; Pavimenti e pavimentazioni; Elementi decorativi; Impianto strutturale
altare - aggiunta arredo (1968)
XVI - XVI(costruzione intero bene); 1677 - 1677(costruzione cappella ); 1705 - 1705(decorazione cappelle); 1708 - 1708(costruzione cappella ); 1897 - 1897(restauro intero bene); 1915 - 1915(restauro cappelle); 2002 - 2006(restauro intero bene); 2005 - 2005(restauro decorazione)
Chiesa di San Lorenzo Martire
Tipologia e qualificazione chiesa parrocchiale
Denominazione Chiesa di San Lorenzo Martire <Calenzano, Bettola>
Ambito culturale (ruolo)
maestranze emiliane (costruzione)
Notizie Storiche

XVI  (costruzione intero bene)

Le prime notizie relative all'edificio risalgono al XVI secolo. Inizialmente era una struttura a croce greca, attualmente è a croce latina. Non si sa con precisione l'anno di costruzione, ma si è a conoscenza della data in cui fu benedetta da don Matteo Lucchini: il 10 agoto 1672.

1677  (costruzione cappella )

La cappella del Rosario fu edificata nel 1677. Nel 1681 venne abbellita dalla decorazione a stucchi realizzata da Pronimo Porta.

1705  (decorazione cappelle)

Nella chiesa sono presenti due cappelle di epoca barocca dove sono conservati i quindici "Misteri del Rosario", "San Pio V" e la "Madonna del Rosario" realizzati nel 1705 da Robert de Longe.

1708  (costruzione cappella )

Nel 1706 fu costruita la cappella di San Giuseppe. Venne Benedetta da don Bernardo Segalini il 16 marzo del 1708. La sua decorazione a stucchi, realizzata nel 1724 è opera dei fratelli Francesco e Pietro Ferrari e da Pietro Agni. I quadri posti sulle pareti sono ivece opera del pittore Luigi Mussi di Piacenza e risalgono al 1733.

1897  (restauro intero bene)

In seguito ai restauri riguardanti l'edificio avvenuti nel 1897, la chiesa assunse la forma attuale con l'aggiunta dell'entrata.

1915  (restauro cappelle)

Nel 1915 i dipinti furono restaurati da Francesco Ghiottoni che realizzò anche le decorazioni di un'altra cappella.

2002 - 2006 (restauro intero bene)

Tra il 2002 e il 2006 è stato eseguito il restauro e il risanamento della facciata e dei tetti del complesso parrocchiale.

2005  (restauro decorazione)

Nel 2005 furono restaurati i dipinti del De Longe.
Descrizione

La chiesa di San Lorenzo Martire sorge in Calenzano, isolata, al di sopra di un promontorio, con orientamento Est-ovest. La facciata in pietra a vista è a capanna, rinserrata agli angoli da pilastri a tutta altezza che terminano con monconi di trabeazione che intercettano i rampanti della cuspide. Al centro si apre un unico portale, con semicolonne in pietra arenaria, coronato da una lunetta con maioliche dipinte e in bassorilievo che raffigurano il martirio di San Lorenzo. Al centro nella parte superiore della facciata si apre un rosone circolare. Nei fronti laterali e sul retro, nel presbiterio si aprono finestroni rettangolari. L'alto campanile, in pietra a vista si eleva sulla sinistra della chiesa, mentre a destra si addossa la Canonica.
Pianta
Schema planimetrico basilicale, a unica navata, scandita da lesene doriche in tre campate, le prime due voltate a botte, la terza, all'incrocio dei bracci del transetto a crociera. In corrispondenza della seconda campata di sinistra si apre sulla navata la cappella del Battistero. I bracci del transetto accolgono gli altari votivi dedicati, a sinistra alla Madonna del Rosario, a Destra a San Giuseppe. Il presbiterio, rialzato di due gradini, sul piano della chiesa, si apre sulla navata con un arco a sesto ribassato, su pilastri murali. A unica campata è coperto da volta a botte.
Coperture
Tetto a falde con manto in coppi.
Pavimenti e pavimentazioni
Pavimento in mattonelle di cemento di colore marrone e giallo che formano riquadri con al centro stelle a otto punte.
Elementi decorativi
Pregevoli affreschi di Luigi Mussi (1733) e di Robert de Longe (1705) con figure di Santi e scene bibliche.
Impianto strutturale
Strutture verticali in muratura di pietra a vista portante.
Adeguamento liturgico

altare - aggiunta arredo (1968)
altare maggiore, mensa in marmo bianco su pilastrini a volute in marmo nero.
Contatta la diocesi