chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Calceranica al Lago
Trento
chiesa
parrocchiale
BMV del Rosario
Parrocchia di Santa Maria Assunta
Pianta; Facciata; Prospetti; Struttura; Coperture; Interni; Pavimenti e pavimentazioni
presbiterio - intervento strutturale (1968-1969)
Chiesa della Beata Maria Vergine del Rosario
Tipologia e qualificazione chiesa parrocchiale
Denominazione Chiesa della Beata Maria Vergine del Rosario <Calceranica al Lago>
Altre denominazioni Chiesa della Madonna del Rosario
BMV del Rosario
Autore (ruolo)
Ferrari, Efrem (progetto chiesa)
Ambito culturale (ruolo)
maestranze trentine (costruzione chiesa)
architettura contemporanea (costruzione chiesa)
Descrizione

Costruita tra il 1968 e il 1969 su progetto dell'architetto Efrem Ferrari, la chiesa della Beata Maria Vergine del Rosario sorge presso il torrente Mandola nella parte bassa del paese di Calceranica, con orientamento a nord-est. La facciata reca un profilo a due ripidi spioventi fortemente eminenti e rialzati rispetto al livello delle coperture, sotto i quali si dispone una finestratura continua. Al centro due setti murari obliqui, eminenti, raccordati da una finestratura a croce latina, celano l'accesso principale situato in un portico. Le fiancate ad andamento irregolare, sono scandite dalla presenza di contrafforti. L'interno, a navata unica con presbiterio rialzato su tre gradini, è ritmato da coppie di pilastri laterali rastremati verso il basso, ai quali si raccordano le travi portanti del soffitto.
Pianta
Navata unica trapezoidale irregonale preceduta da un portico poligonale irregolare, ai lati del quale si sviluppano i corpi delle penitenzierie a pianta poligonale irregolare. Presbiterio poligonale.
Facciata
Facciata a due ripidi spioventi fortemente eminenti e rialzati rispetto al livello delle coperture, sotto i quali si dispone una finestratura continua. Al centro due setti murari obliqui, eminenti, raccordati da una finestratura a croce latina, celano l'accesso principale situato in un portico.
Prospetti
Fiancate laterali ad andamento irregolare, scandite da contrafforti. Una finestratura continua illumina la zona della navata.
Struttura
Strutture portanti verticali in cemento armato. Strutture di orizzontamento: soffitto a due falde in cemento armato rivestito in legno sulla navata, intonacato e tinteggiato sul presbiterio.
Coperture
Tetto a doppia falda fortemente inclinato, rivestito in lamiera metallica. Sul presbiterio si innalza un lucernario a due spioventi.
Interni
Navata unica preceduta da un portico e scandita da coppie di pilastri rastremati verso il basso, raccordati alle travi portanti del soffitto; sulla controfacciata si affacciano due locali simmetrici utilizzati come penitenzierie. Presbiterio rialzato su tre gradini.
Pavimenti e pavimentazioni
Pavimento in lastre di granito comune alla navata e al presbiterio.
Adeguamento liturgico

presbiterio - intervento strutturale (1968-1969)
L'edificio è costruito secondo le prescrizioni dell'adeguamento alla liturgia del Concilio Vaticano II.
Contatta la diocesi