chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Corzano
Brescia
chiesa
parrocchiale
S. Martino vesc.
Parrocchia di Madonna della Neve e San Martino
Elementi decorativi; Altare maggiore
balaustre - intervento strutturale (Anni '70 (?)); presbiterio - aggiunta arredo (Anni '70 (?))
XV - XVI(costruzione intero bene); XVII - XVII(completamento intero bene); XVII - XVII(completamento campanile); XVIII - XVIII(ampliamento intero bene); XIX - XIX(completamento nucleo centrale); XX - XX(restauro intero bene)
Chiesa di San Martino Vescovo
Tipologia e qualificazione chiesa parrocchiale
Denominazione Chiesa di San Martino Vescovo <Corzano>
Altre denominazioni Chiesa della Madonna della Neve e di San Martino
S. Martino vesc.
Ambito culturale (ruolo)
maestranze lombarde (costruzione chiesa)
Notizie Storiche

XV  - XVI (costruzione intero bene)

La chiesa parrocchiale venne costruita, a quanto sembra, nel XV secolo per esse completamente rifatta successivamente. E' già citata nella visita pastorale di don Annibale Grisonio, svoltasi nel 1540, e in quella successiva del vescovo Domenico Bollani, in visita a Corzano nel 1562. Dai documenti relativi al XVI secolo emerge che la sacrestia non era stata ancora costruita.

XVII  (completamento intero bene)

Durante il Seicento nella chiesa vennero eseguiti diversi lavori relativi alla sistemazione del battistero e alla costruzione del ciborio voluto dal vescovo Marino Giorgi. A questa data la fabbrica della sagrestia non risulta ancora compiuta.

XVII  (completamento campanile)

Risale probabilmente al XVII secolo l'erezione del campanile, come suggerisce l'iscrizione incisa sulla parete interna settentrionale dello stesso: "ADI XX MAGGIO MDC...".

XVIII  (ampliamento intero bene)

Nel XVIII secolo la chiesa è stata ampliata e ristrutturata, conferendole gli attuali lineamenti barocchi. Tra il 1703 e il 1713 venne istituito l'altare dedicato alla Beata Vergine del Rosario. Un'iscrizione, incisa su elementi in laterizio posti sul fianco esterno settentrionale del presbiterio, riporta la scritta "1720" probabilmente indicativo dell'epoca di costruzione del presbiterio stesso.

XIX  (completamento nucleo centrale)

Nel 1815, il vescovo Gabrio Maria Nava, in occasione della visita pastorale, dà indicazione di quattro altari: quello maggiore, dedicato a San martino Vescovo, e i restanti tre, dedicati rispettivamente al Santissimo Sacramento, alla Beata Vergine del Rosario e ai Santi.

XX  (restauro intero bene)

Nel 1910, come ricorda una lapide posta in sagrestia, la chiesa fu restaurata e arricchita delle decorazioni pittoriche e plastiche.
Descrizione

La chiesa parrocchiale San Martino Vescovo si trova nel centro abitato di Corzano, nella Bassa Occidentale bresciana. Il fabbricato, a pianta rettangolare, è orientato verso ovest. La facciata, in stile barocco avente frontone mistilineo completo di cornicione, timpano tripartito da lesene e acroteri, è composta da doppio registro delimitato da trabeazione ad andamento spezzato. L'intero prospetto è scandito da lesene stilizzate: quattro nel primo registro inquadrano in mezzeria il portale lapideo di accesso all'aula completo di stipiti, architrave e coronamento mistilineo; quattro nel secondo registro fiancheggiano il finestrone rettangolare collocato in corrispondenza del portale sottostante. Oltre a questa apertura, i prospetti laterali alloggiano finestre rettangolari ad arco ribassato che consentono l'illuminazione naturale dell'aula. Il campanile a pianta quadrata, collocato sul lato est dell'edificio, presenta in sommità quattro aperture, cornicione e la statua raffigurante San Martino. L'interno, avente superfici ornate a rilievo e pitture murali, presenta navata unica accompagnata da quattro cappelle laterali (San Giuseppe, Santissimo Sacramento, Madonna del Rosario e San Luigi Gonzaga) e culmina nel presbiterio a pianta rettangolare. Lo spazio, lungo le quattro campate dell'aula, è scandito da lesene composite. Un cornicione, leggermente aggettante, segna il punto di innesto delle volte di copertura, a botte e a vela nella navata, a botte semplici nelle cappelle laterali e botte lunettate ritmate da membrature nella zona presbiterale.
Elementi decorativi
Nel abside si trova la pala raffigurante il santo patrono attribuita alla scuola del Romanino. Gli affreschi (fra cui la scena dell'apoteosi di S. Martino) sono di Vittorio Trainini. Fra le statue, spicca quella della Madonna del Rosario del professore Luigi Santifeller di Ortisei. Nel fianco meridionale esiste un monumento funerario cinquecentesco dedicato al parroco Giacomo Moreschi di Crema.
Altare maggiore
L'altare presenta paliotto in commesso marmoreo, incorniciato da due pilastrini concavi affiancati a loro volta da un motivo a doppia voluta, che racchiude un medaglione centrale raffigurante San Martino Vescovo. Sopra il tabernacolo è posta la tribuna espositoria a forma di tempio semiesagonale, con tre aperture centinate separate da colonnine di ordine corinzio e sormontato da cupola a padiglione.
Adeguamento liturgico

balaustre - intervento strutturale (Anni '70 (?))
La balaustre sono state rimosse in data non precisata.
presbiterio - aggiunta arredo (Anni '70 (?))
Il presbiterio presenta l'altare maggiore nella sua posizione originaria. E' stata aggiunta, in data non precisata, una mensa eucaristica lignea rivolta al popolo.
Contatta la diocesi