chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Fiano
Torino
cappella
sussidiaria
San Rocco
Parrocchia di San Desiderio Martire
pianta; facciata ; prospetti laterali; Impianto strutturale; interni; presbiterio
nessuno
fine XVI - fine XVI(costruzione intero bene); 1752 - 1752(visita pastorale intero bene); primi XX - primi XX(restauro intero bene)
Cappella di San Rocco
Tipologia e qualificazione cappella sussidiaria
Denominazione Cappella di San Rocco <Fiano>
Ambito culturale (ruolo)
maestranze piemontesi (costruzione)
Notizie Storiche

fine XVI  (costruzione intero bene)

La cappella è stata eretta alla fine del XVI secolo. Nella visita pastorale del 1594 l'arcivescovo di Torino monsignor Carlo Broglia riferisce che la cappella è stata costruita noviter (recentemente) per iniziativa di Michele Vallò.

1752  (visita pastorale intero bene)

Nella relazione della visita pastorale la cappella risulta adorna con affreschi raffiguranti San Rocco e San Grato, in centro, l'arcangelo Gabriele, sul lato destro, e L'Annunziata sul lato sinistro.

primi XX  (restauro intero bene)

La tipologia di travatura ribassata in cemento armato usata all'interno suggerisce che, nel primo ventennio del novecento, la cappella è stata oggetto di lavori di restauro, interessando la copertura dell'aula e il tetto dell'edificio.
Descrizione

La piccola cappella campestre è collocata appena fuori dall'abitato, lungo la strada provinciale che porta a Varisella, sul lato destro, all'imbocco del bosco che si sviluppa sul pendio. L'edificio sorge in un contesto isolato; la facciata è rivolta ad est. La cappella ha pianta rettangolare ad aula unica con abside semicircolare; l'aula è coperta da doppia falda sorretta da portali in calcestruzzo armato, mentre l'abside da semicupola. La struttura verticale è in muratura portante; il tetto è a due falde, con struttura in cemento armato. La facciata presenta fronte a capanna. Centralmente è posizionato il portone, sormontato da cornice semicircolare e, al di sopra, un'apertura tonda, con cornice. L'edificio si presenta in cattivo stato di conservazione, dovuto all'assenza di manutenzione, con evidenti fenomeni di umidità parietale sia internamente che esternamente; all'interno l'ambiente è in stato di abbandono, con crepe e fessurazioni sia sulle pareti che a soffitto. Le pareti esterne presentano graffiti.
pianta
La cappella ha pianta rettangolare ad aula unica con abside semicircolare.
facciata
La facciata è rivolta ad est e presenta fronte a capanna. Ai lati due paraste incorniciano la facciata. Il portone, in legno a due battenti, è posizionato in asse con l'aula. Al di sopra del portone è presente una cornice semicircolare, sormontata da un'apertura tonda, con cornice. Il prospetto è intonacato, tinteggiato di tonalità grigia.
prospetti laterali
I prospetti laterali presentano finitura ad intonaco. Su ambo i lati è presente una finestra ad arco.
Impianto strutturale
La struttura verticale è in muratura portante. Internamente l'aula è sormonta da doppia falda sorretta da portali in calcestruzzo armato; l'abside è coperto da semicupola. Il tetto è a due falde, con struttura in cemento armato.
interni
L'ambiente interno è privo di arredi, in stato di abbandono. Le superfici presentano un leggero strato di pittura dilavata, di colore azzurro: le pareti verticali sono dipinte a finto bugnato, mentre sul soffitto sono disegnate delle stelline. Le travi e le cornici di riquadro sono tinteggiate di colore crema. Una cornice modanata, di colore bianco, divide il volume interno. La pavimentazione è in battuto di cemento.
presbiterio
Il presbiterio è collocato in corrispondenza dell'abside, ed è rialzato rispetto all'aula di un gradino. Al centro del presbiterio è collocato l'altare maggiore, in muratura, dipinto e con le iniziali S.R. disegnate sul fronte. Una nicchia con teca in legno è collocata nel mezzo della parete absidale curva.
Adeguamento liturgico

nessuno
Contatta la diocesi