chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Cuneo
Cuneo
chiesa
parrocchiale
S. Maria della Pieve
Parrocchia di S. Maria della Pieve
Facciata; Pianta; Presbiterio; Finiture interne; Impiantistica
presbiterio - aggiunta arredo (1984)
1656 - 1664(inizio lavori intero bene); 1700 - 1700(completamento intero bene); 1727 - 1727(inizio lavori altare maggiore); 1838 - 1838(completamento interni); 1927 - 1931(completamento altari laterali); 2002 - 2003(restauro sacrestia); 2013 - 2014(restauro campanile)
Chiesa di Santa Maria della Pieve
Tipologia e qualificazione chiesa parrocchiale
Denominazione Chiesa di Santa Maria della Pieve <Cuneo>
Altre denominazioni S. Maria della Pieve
Ambito culturale (ruolo)
maestranze piemontesi (costruzione nuova chiesa)
maestranze piemontesi (modifiche interne)
Notizie storiche
1656 - 1664 (inizio lavori intero bene)
costruzione della Chiesa che doveva servire come cappella al collegio dei Gesuiti, su progetto dell' Arch. Giovenale Boetto
1700 - 1700 (completamento intero bene)
riduzione del presbiterio rettangolare in forma di abside semicircolare, aggiunta di cornice marmorea intorno all'icona dell'altare maggiore, apertura dei coretti e realizzazione stucchi degli altari laterali, tutto su progetto dell'Ing. Francesco Gallo
1727 - 1727 (inizio lavori altare maggiore)
realizzazione dell'altare maggiore ad opera dei marmorini Francesco Aprile di Savona e Matteo Buzzi di Lugano
1838 - 1838 (completamento interni)
dipintura delle volte ad opera di Giuseppe Toselli
1927 - 1931 (completamento altari laterali)
sostituzione altari laterali con nuovi altari in marmo
2002 - 2003 (restauro sacrestia)
restauro pittorico della volta della sacrestia e del pavimento e manutenzione su alcuni impianti
2013 - 2014 (restauro campanile)
restauro e consolidamento torre campanaria
Descrizione Costruzione seicentesca con facciata suddivisa in due piani, l'inferiore più ampio e il superiore più stretto, che termina con un timpano triangolare, presenta internamente una sola navata con abside semicircolare. Il presbiterio ospita un altare maggiore settecentesco in marmo ed è delimitato da una balaustra anch'essa in marmo. La Chiesa internamente risulta alquanto decorata e gli impianti sono di fattura degli anni ottanta.
Facciata
Facciata barocca composta da due piani separati da una trabeazione, che termina con un timpano triangolare. il primo più largo è diviso dalla porta ed ornato da sei lesene a capitello corinzio e due nicchie con figure allegoriche. Il secondo piano più ristretto è movimentato da quattro lesene e capitello ionico, con ghirlande e due nicchie con statue.
Pianta
Interno a navata unica chiusa da un abside semicircolare e movimentato da quattro archi che aprono altrettanti sfondati per gli altari.
Presbiterio
Presenza di balaustra realizzata in marmo di Frabosa nel secolo XVIII e altare maggiore in marmi policromi e intarsiati.
Finiture interne
Volta affrescata con affreschi che rappresentano la Natività della Vergine e la Presentazione di Maria al Tempio e semicatino absidale decorato con i tre simboli mariani: l'Arca dell'Alleanza, la Torre d'Avorio e la Porta del Cielo. Medaglioni dell'arco sopra il presbiterio raffiguranti i quattro Dottori della Chiesa. Altri arconi raffiugurati gli Apostoli e nelle unghiature delle finestre rappresentati gli Evangelisti.
Impiantistica
Impianto elettrico e di diffusione sonora degli anni ottanta e riscaldamento ad aria.
Adeguamento liturgico
presbiterio - aggiunta arredo (1984)
Negli anni sono state apportate alcune modifiche e la situazione attuale risulta: sul presbiterio plenario sono collocati i principali poli sacri: altare ed ambone risultano coerenti per materiale ma non per la forma in quanto l'altare non è una mensa quadrangolare e l'ambone è elevata tribuna ma non avvolgente. La riserva eucaristica risulta posizionata sull'altare maggiore creando in tal senso sovrapposizione dei poli.
Contatta la diocesi