chiese italiane
censimento chiese
edifici di culto
edifici sacri
beni immobili
patrimonio ecclesiastico
beni culturali ecclesiastici
beni culturali della Chiesa cattolica
edilizia di culto
restauro
adeguamento liturgico
Poggio Cancelli
Campotosto
L'Aquila
chiesa
sussidiaria
San Giorgio
Parrocchia di Santa Maria di Loreto
facciata; Pianta; Struttura; Coperture; Pavimenti e pavimentazioni; Elementi decorativi; torre campanaria
altare - intervento strutturale (1997)
1946 - 1946(rifacimento intero bene); 2009 - 2009(danni da sisma intero bene)
Chiesa di San Giorgio
Tipologia e qualificazione chiesa sussidiaria
Denominazione Chiesa di San Giorgio <Poggio Cancelli, Campotosto>
Ambito culturale (ruolo)
architettura moderna (ricostruzione)
Notizie Storiche

1946  (rifacimento intero bene)

L'impianto attuale risale al 1946, come si evince dallo stile architettonico tipico del "razionalismo monumentalista", e com' è altresì riportato su una targa dedicatoria posta in facciata. Della precedente chiesa, crollata negli anni '40 a causa di un cedimento strutturale delle coperture, rimangono la parte inferiore del campanile in conci di pietra irregolari, la pala d'altare raffigurante San Giorgio che combatte contro il drago e la pavimentazione dell' aula in mattonelle di cotto antico.

2009  (danni da sisma intero bene)

A seguito del sisma del 06/04/2009 la Chiesa è risultata inagibile a causa del rischio ribaltamento della facciata; lievi lesioni negli archi della cella campanaria; rivestimento in marmo e cantonali in pietra del pronao, parzialmente distaccati dalla muratura; coperture da revisionare.
Descrizione

Struttura isolata, ai margini del centro abitato di Poggio Cancelli, la chiesa di San Giorgio è stata ricostruita nel 1946. La facciata è caratterizzata dai tre monumentali archi a tutto sesto in marmo del pronao, impostati sui pilastri di ordine gigante a base quadrata, affiancati da cantonali in travertino estesi in larghezza. La pianta è ad aula unica rettangolare, con abside semicircolare dotata di due nicchie semisferiche, una per lato, poste in prossimità della zona presbiteriale. Della chiesa preesistente resta la torre campanaria, a base quadrata, collocata nella parte posteriore della chiesa, adiacente alla parete laterale destra. L'ultimo livello, separato da un marcapiano, ospita le campane, in uno spazio a quattro fornici, e l'orologio.
facciata
La facciata è caratterizzata dai tre monumentali archi a tutto sesto in marmo del pronao, impostati sui pilastri di ordine gigante a base quadrata. E' delimitata da cantonali in travertino estesi in larghezza e dal coronamento orizzontale privo di decorazioni, terminante con coppi.
Pianta
Pianta ad aula unica rettangolare, con abside semicircolare dotata di due nicchie semisferiche, una per lato, poste in prossimità della zona presbiteriale. Il presbiterio è rialzato da due gradini e delimitato da una balaustra. L'aula è illuminata da tre finestre ad arco su ciascuna delle pareti laterali, da altre più piccole sullo pseudotransetto, e due nell'abside.
Struttura
Struttura mista
Coperture
Il tetto è a padiglione con manto di copertura in coppi e controcoppi.
Pavimenti e pavimentazioni
Mattonelle di cotto antico nell'aula. Pavimento in marmo e cotto antico nel presbiterio.
Elementi decorativi
Le pareti interne, semplicemente intonacate, sono caratterizzate da bassa zoccolatura continua in marmo. Gli arredi interni (altare preconciliare, altari laterali in marmo bianco e verde) e gli affreschi nelle nicchie e nella parete presbiteriale sono di moderna fattura e risalgono al periodo di rifacimento della chiesa, tranne la pala d'altare rappresentante San Giorgio.
torre campanaria
La torre campanaria, a base quadrata, unico elemento quasi interamente conservato della chiesa preesistente, è collocata nella parte posteriore della chiesa, adiacente alla parete laterale destra. L'ultimo livello, separata da un marcapiano, ospita le campane, in uno spazio a quattro fornici, e l'orologio. La copertura è a padiglione, con manto di coppi.
Adeguamento liturgico

altare - intervento strutturale (1997)
Piano in marmo bianco sorretto ai quattro lati da esili colonnine in marmo verde.
Contatta la diocesi